© 2023 by Alessandro Colombo

Mi hanno raccontato che il giorno in cui sono nato c'era un vento così forte che ha strappato il fiocco azzurro portandolo lontano.

Credo che questa immagine possa rappresentare simbolicamente una parte della mia vita: iperattivo, curioso esploratore alla ricerca di tutto ciò che valga la pena essere osservato (per cui tutto). Irriverente e provocatore, allergico alla banalità, impavido sognatore disgustato dal limite.

Bambino sognatore, adolescente inquieto, studente indisciplinato, talento sciupato, operaio volenteroso soldato romantico (paracadutista), atleta instancabile e impiegato forzato. Figlio teppista  e genitore apprendista, affamato d'amore e assetato di pace, counsellor per caso e coach per vocazione, disabile per sbaglio (degli altri) e apprendista stregone.

Tento ogni giorno tra mille difficoltà di portare entusiasmo nella mia vita e in quella delle persone che incontro; parola che tradotta dal sanscrito significa 'ispirazione divina' ma anche 'combattimento'.

Immagino che la vita sia una lotta continua contro oscure forze che spingono l'uomo ad accontentarsi della sopravvivenza, trascurando l'immenso potenziale che ognuno racchiude dentro di sé; forze dalle quali anche io a volte sono stato sconfitto ma continuo, ogni giorno, a non darmi per vinto.